10 attrazioni a Buenos Aires - Articoli

Consiglia, 2019

Scelta Del Redattore

10 attrazioni a Buenos Aires

introduzione

Buenos Aires è una città con una storia ricca e drammatica. Che si tratti di rivoluzioni, lotte di potere politico, ondate di immigrazione o trionfi sportivi, le storie della capitale argentina vengono spesso raccontate negli edifici e nei monumenti delle sue strade. Qui, ti racconteremo un po 'della storia dei luoghi imperdibili di Buenos Aires.

Magalf Izaguirre / iStock / Getty Images

Casa Rosada

Questo edificio ospita l'ufficio presidenziale dell'Argentina. Originariamente era il sito di una serie di forti, con la prima costruita dopo il conquistador spagnolo Don Juan de Garay, rifondò la città nel 1580. Il luogo risale al 1870 ed è in realtà la combinazione di un vecchio edificio del ufficio postale e un palazzo del governo. È stato dipinto di rosa sotto gli ordini del settimo presidente dell'Argentina, Domingo F. Sarmiento. L'edificio è stato testimone di molti eventi storici e il suo balcone è ufficialmente noto come il "Balcone di Evita" grazie a Eva Peron, mentre Diego Maradona è andato sul balcone per celebrare il trionfo dell'Argentina ai Mondiali del 1986. Visite guidate dell'edificio sono disponibili nei fine settimana.

Pablo Caridad / iStock / Getty Images

Cabildo

Il Cabildo è un bellissimo edificio coloniale che si trova di fronte a Casa Rosada, in Plaza de Mayo. L'edificio originale fu costruito agli inizi del 17 ° secolo per ospitare il consiglio direttivo dell'insediamento spagnolo. L'edificio che vediamo oggi è stato inaugurato nel 1740, anche se ha perso alcuni dei suoi archi per consentire la creazione di viali. Il suo principale significato per gli argentini è che il primo governo indipendente di Spagna fu dichiarato in questo edificio nel maggio 1810. L'edificio è ora il Museo Nazionale del Cabildo e la Rivoluzione di Maggio. Nella zona si svolgono frequenti manifestazioni politiche e l'edificio deve essere regolarmente dipinto per rimuovere i graffiti.

Cristian Lazzari / iStock / Getty Images

Tortoni Cafe

Buenos Aires è una città appassionata di caffè. È pieno di caffè storici e il più antico e famoso è il Tortoni Café. Situato in Avenida de Mayo, il posto ha aperto le sue porte nel 1858. Da allora, è stato frequentato da grandi scrittori, poeti, artisti, giornalisti e musicisti di varie generazioni. I suoi clienti più famosi includono l'autore Jorge Luis Borges e il cantante di tango Carlos Gardel. Il suo interno è caratterizzato da colonne di marmo, mobili antichi in legno e bronzo e un soffitto in vetro colorato. Ci sono busti e dipinti di clienti famosi e c'è anche una biblioteca e uno show room che ospita spettacoli di tango di notte. È un'attrazione molto popolare e i turisti fanno la fila per entrare.

CelsoDiniz / iStock / Getty Images

obelisco

Questo monumento nazionale ti dà la sensazione di trovarti in una città influente. Dai 67,5 metri di altezza, può essere visto da una serie di strade cittadine e potrai scattare splendide foto in ogni momento della giornata. Inoltre, le quattro facce del monumento hanno segnato importanti date per la città. Ora l'Obelisco è un simbolo di Buenos Aires, tuttavia, non era molto popolare per la gente del posto quando fu costruito nel 1936. In effetti, alcuni anni dopo, i membri del consiglio comunale cercarono di distruggerlo.

DC_Colombia / iStock / Getty Images

Teatro Colon

Questo teatro, considerato uno dei migliori al mondo, ha ricevuto molti nomi famosi dal mondo dell'opera, della musica classica e del balletto sin dalla sua apertura nel 1908. La lista include nomi come Maria Callas, I tre tenori (Plácido Domingo, José Carreras, Luciano Pavarotti ), Vaslav Nijinsky, Rudolf Nureyev, Richard Strauss, Igor Stravinsky e Leonard Bernstein. L'edificio è uno dei più belli della città, ma per goderselo meglio, è necessario fare una visita guidata o, meglio ancora, acquistare un biglietto per una delle tue opere o balletti. Il teatro è famoso in tutto il mondo per la sua eccellente acustica.

ToniFlap / iStock / Getty Images

Palazzo del Barolo

Ispirato al poema epico di Dante, "La Divina Commedia", questo è probabilmente l'edificio più spettacolare della città. Il commerciante immigrato e tessile italiano Luis Barolo commissionò all'architetto Mario Palanti la costruzione di questa opera d'arte di 100 metri di altezza nel 1919. I suoi 22 piani, in Avenida de Mayo, sono divisi in tre sezioni che rappresentano il cielo, l'inferno e il purgatorio del poesia del 14 ° secolo. L'edificio, che fu il più alto in Sud America per 12 anni, fu completato nel 1923. Palanti costruì anche un edificio gemello a Montevideo, in Uruguay, chiamato Palacio Salvo. Entrambi gli edifici sono stati costruiti con cupole che supportano i fari e sono stati utilizzati per ospitare barche che hanno raggiunto il River Plate attraverso l'Oceano Atlantico. Le visite guidate al Palazzo del Barolo sono disponibili nei giorni feriali e si può avere una vista mozzafiato della città dall'interno dei fari.

Fiona Mark / iStock / Getty Images

Caminito

Le colorate case in ottone e legno su questa piccola strada di ciottoli nel quartiere di La Boca forniscono una delle immagini più classiche di Buenos Aires. Questa forma non convenzionale di design ci porta all'inizio del XX secolo: una teoria è che i poveri immigrati del quartiere decoravano le loro case usando la pittura di avanzi lasciata dai marinai. Negli anni '50, il Caminito fu degradato ei colori emersero dall'idea del famoso artista argentino Benito Quinquela Martin di utilizzare come decorazione e dare più vita alla strada. Ora è una delle attrazioni turistiche della città e le sue strade principali sono piene di negozi di souvenir, ristoranti e ballerini di tango.

Dmitry_Saparov / iStock / Getty Images

La Bombonera

Con le sue tribune alte e spioventi, La Bombonera (scatola di cioccolata nella traduzione libera) è uno degli stadi di calcio più emblematici del mondo. È la casa del Boca Juniors Soccer Club ed è stato elargito da alcuni dei più grandi nomi della storia del calcio. Grande fan del Boca Juniors, Diego Maradona ha giocato a La Bombonera per il club negli anni '80 e '90. Nei giorni di gioco, lo stadio è una frenesia di rumore e passione e questa eccitazione è ancora più grande durante i giochi "Superclassici" contro il Archivival, River Plate. Le escursioni allo stadio, inaugurato nel 1940 e ufficialmente noto come "Estadio Alberto J. Armando", possono essere acquistate presso il negozio del club. La capacità dello stadio è di 49 mila persone.

DC_Colombia / iStock / Getty Images

Cimitero di Recoleta

Una passeggiata attraverso questo cimitero dovrebbe essere sulla lista di tutti i visitatori a Buenos Aires. Il sito ha 14 ettari, che è diviso in un sistema a griglia e contiene più di quattromila tombe. La ricchezza architettonica del luogo è impressionante, con esempi di neo-barocco, neogotico, neoclassico, art nouveau e art-deco. Molte tombe sono decorate con sculture, vetrate e ornate con porte di bronzo. Tuttavia, mentre alcune delle tombe sono in condizioni eccellenti, altre si stanno sgretolando. Il cimitero, inaugurato nel 1822, è l'ultimo luogo di riposo di molti nomi famosi della storia argentina. Le tombe più visitate includono quelle di Eva Perón (la sua tomba è nel suo nome da nubile, Duarte) e l'ex presidente Domingo F. Sarmiento.

Georgios Kollidas / iStock / Getty Images

Museo di Eva Perón

Eva Perón è una figura emblematica dell'Argentina, ma anche una divisione politica all'interno del paese. Arrivò al potere e ebbe influenza come seconda moglie del presidente Juan Domingo Perón e morì di cancro all'età di 33 anni nel 1952. Per alcuni era un difensore dei poveri, mentre per altri era corrotta e affamata di potere . Questo museo, nel quartiere di Palermo, racconta la storia dell'ascesa della ex attrice dall'infanzia povera ad essere una figura nazionale attraverso fotografie, oggetti di fondazione caritatevoli e anche i suoi abiti glamour.


Categorie Popolari

Top