Quali erano le forme di governo della Mesopotamia? - Articoli

Consiglia, 2019

Scelta Del Redattore

Quali erano le forme di governo della Mesopotamia?

Quando sorsero le prime città in Mesopotamia, la monarchia continuò ad essere la forma dominante di governo.I Sumeri iniziarono questa tradizione perché credevano che fossero gli dei che governavano il mondo, con i re che erano i loro rappresentanti divini. I governi successivi provarono ad annettere diverse città-stato, a creare imperi territoriali e nuove forme di amministrazione, ma la nozione di re come figura divina persistette fino all'impero della Mesopotamia, l'Assiria.

Le città-stato della Mesopotamia erano governate da re per migliaia di anni (Photos.com/Photos.com/Getty Images)

Le città-stato sumere

Le città-stato sumere furono i primi governi registrati in Mesopotamia. Offrivano organizzazione sociale e protezione agli agricoltori che vivevano nei dintorni. I Sumeri credevano che ogni dio possedesse una città e che l'ordine naturale ideale dipendesse dal favore di ciascun Dio. I re, quindi, rappresentavano la volontà degli dei nel far rispettare le leggi, risolvere i conflitti, aumentare il potere militare, amministrare la città e mantenere i templi. I re potevano appellarsi all'autorità di Enlil, il dio degli dei, per attaccare o deporre qualsiasi re che fosse debole o avesse perso il favore del suo dio.

Impero arcadico

Spesso considerato il primo impero nella storia, l'Acadia sorse intorno al 2.300 aC, sotto il controllo di Sargon. Mentre le precedenti città-stato della Mesopotamia interagivano come individui, l'Acadia cercò di unire tutti loro e le regioni limitrofe sotto un'unica autorità per espandere il commercio, aumentare la sicurezza e glorificare il re. Essendo una monarchia, il potere di Acadia era ereditario, ma a volte veniva violentemente messo in discussione dai figli del sovrano o da altri membri dell'élite. I re accadici rispettarono gli dei Sumeri e il ruolo del re come figura religiosa continuò ad esistere in questo periodo.

Primo impero babilonese

L'impero accadico crollò intorno al 2125 aC e fu seguito dall'ascesa degli Amorei, circa 1.800 aC. Questo gruppo adottò Babilonia come capitale e sviluppò diverse innovazioni per governare un impero composto da diverse città-stato mesopotamiche. Questi "primi babilonesi" imposero tasse e servizio militare obbligatorio, e crearono leggi con severe punizioni, come il Codice di Hamarabi. Ancora una monarchia, l'impero ha usato queste innovazioni per aumentare il proprio potere, portandolo via dalle mani dei sovrani locali.

Amoriti come Hamurábi cercavano di applicare leggi universali scritte (Photos.com/Photos.com/Getty Images)

Impero assiro

Sebbene altri gruppi, come gli Ittiti e Cassiti, posero fine al primo impero babilonese, l'Assiria fu l'ultimo impero nativo della Mesopotamia tra il 1200 e il 612 aC Come un'altra monarchia che cercava di governare le città della Mesopotamia, gli Assiri costrinsero molti popoli , come gli ebrei di Israele, per spostarsi per ridurre la minaccia della rivolta locale. Inoltre, gli assiri trattavano le regioni conquistate come vassalli che dovevano pagare tributi, ospitare truppe assire e proteggere il commercio, ma che potevano gestire i loro affari con le loro leggi locali.


Categorie Popolari

Top